Torna all'home page della Biblioteca Sala Borsa

XANADU

comunità per lettori ostinati
2Q, Istituto Tecnico per le Attività Sociali F. Selmi, Modena

Secondo me questo √® uno di quei libri che bisognerebbe leggere obbligatoriamente. Dire che √® bello, √® come dire che il mare √® blu... √® scontato! Comunque dato che per quanto riguarda gli aggettivi non sono dotata di una grande immaginazione, mi accontenter√≤ col dire che questo romanzo √® bellissimo, avvincente, triste con moderazione (il finale) e normalissimo in quanto trattadi tre ragazzi che hanno diciassette anni e che trovano non-solo che il mondo faccia schifo, ma riservano lo stesso termine alla vita stessa. Piers (che nella storia prender√† il nome di Jan) √® un ragazzo introverso, depresso, colto da frequenti Fisse e che va molto bene a scuola, tanto che √® un anno avanti ai ragazzi della sua et√†, decide che ne ha abbastanza di responsabilit√† e di tutto questo . che gira intorno ad esse cos√¨ decide di trovarsi ,!1,D lavoro lontano da casa, incurante delle perplessit√† dei suoi genitori, degli amici, degli insegnanti e della sua ragazza. E cos√¨ si trasferisce in un altro paese dove riscuote i pedaggi ad un ponte, vivendo in una ca,sa l√¨ di fianco. La sua vita viene rallegrata dalla visita che gli fa quasi sempre una ragazza della medesima et√†. Il suo nome √® Kathrine (ma Jan la chiama Tess). Tess √® sicura di se e allegra, e fra i due nasce una splendida amicizia che col passare del tempo si trasformer√† in qualcosa di pi√Ļ.Ma le loro vite sono sconvolte dall'arrivo di Adam, un ragazzo affascinante ma indesiderato. Non si sa la sua storia: non ha un cognome, non ha una famiglia, √® solo e senza un posto dove andare. Per questo Jan decide che pu√≤ rimanere nella casa vicino al ponte. All'inizio tra loro due non corre buon sangue ma col passare de√¨ giorni non potranno pi√Ļ stare l'uno senza l'altro.Purtroppo, come tutte le cose belle, ~ questa √® destinata a finire, colpevole √® un malinteso tra Adam e la ragazza di Jan (che era venuta a -trovarlo nella casa al ponte) che non riconoscendo Adam e temendo d√¨ essere aggredita, gli tira un caldo col risultato di farlo cadere a terra e di fargli sbattere la'festa. A questo -punto succede il peggio, infatti Adam, dopo essersi ripreso, non ricorda pi√Ļ nulla. Col passare dei giorni, riacquista sempre pi√Ļ la memoria.. ma non riconosce n√© Jan n√© Tess.Cos√¨ si scopre il suo passato, un passato -orribile nel quale Adam si rifugia -tutt'ora. Viene cos√¨ portato:nello stesso:posto.dal quale era'scappato;probabilmente noi lo potremmo definire un. Ospedale dove vengono accolte persone con gravi problemimen1i .Quando Jan lo va a trovare scopre un Adam completamente diverso, un ragazzo di undici anni intrappolato nel corpo di uno di diciassette che costruisce steccati per quella che lui d√®finisce. la sua casa cio√® una: tenda nel cort√¨le. Nonostante Jan lo vada a trovare spesso, naturalmente Adam non lo riconoscer√† mai e lo tratter√† sempre come un estraneo, preferendo di gran lunga giocare nella sua casetta in giardino e leggere fumetti di Robinson Crusoe.In .questo. romanzo. il. narratore √® interno (Jan), abbiamo una sintassi semplice e quindi la coordinazione, e il registro √® colloquiale tipico dei ragazzi di quell'et√†.Il tema del racconto penso sia la paura del giudizio degli altri, di quello che possono pensare se conoscessero la verit√† su di te e quello che hai fatto.

Aggiungi un nuovo commento:

scuola:

autore/classe

commento

voto
  
57

Chambers A.
Quando eravamo in tre
Fabbri, Milano, 2003


Biblioteca Sala Borsa Ragazzi | Hamelin Associazione Culturale
ultima modifica: 14 gen 2007