Torna all'home page della Biblioteca Sala Borsa

XANADU

comunità per lettori ostinati
2Q, Istituto Tecnico per le Attività Sociali F. Selmi, Modena

Prendendo in considerazione l'originalit√† dei personaggi e degli ambienti, il mio voto √® sicuramente un 3 pieno, ma non di pi√Ļ perch√© manca qualcosa che dia vivacit√† alla storia: in certi punti √® troppo lenta e noiosa, a volte un po' squallida nel raccontare alcuni particolari della vita degli zingari, ma forse era proprio questa l'intenzione dell'autore.Debole, molto timido, introverso e perdi pi√Ļ balbuziente, Tarzan arriva a Bologna e va alla caserma dei carabinieri dicendo di essere uno zingaro orfano e di essere scappato dai suoi fratelli che lo costringevano a rubare e lo picchiavano. Dopo molte inchieste da parte della polizia, si scopre, invece, che il misterioso ragazzo ha un passato del tutto diverso da quello che aveva raccontato. Dopo aver chiesto aiuto, il personaggio principale va a finire in un centro di accoglienza per minori difficili. L√¨ trova degli amici, altri ragazzi maltrattati o scappati di casa come lui: Maruska, bella e pervertita, quindicenne con un caratteraccio che fa subito innamorare Tarzan; Nadine, diciassettenne nigeriana simpatica e comprensiva; AH, sfortunato sedicenne, nato senza un braccio, ma con tanta voglia di vivere normalmente infine Alberto, anche lui sedicenne, piuttosto ribelle e molto divertente. La storia on √® particolarmente interessante, una faccenda che potrebbe capitare a qualsiasi adolescente con problemi a casa. L'unica novit√† √® il fmale a sorpresa che certamente nessun lettore, anche attento, si aspetterebbe. Lo scrittore utilizza un registro medio abbastanza scorrevole e comprensibile, in alcuni tratti usa anche quello colloquiale, a tratti gergale.

Aggiungi un nuovo commento:

scuola:

autore/classe

commento

voto
  
73

Matrone M.
Il mio nome è Tarzan Soraia
Frassinelli, Milano, 2004


Biblioteca Sala Borsa Ragazzi | Hamelin Associazione Culturale
ultima modifica: 14 gen 2007