Torna all'home page della Biblioteca Sala Borsa

XANADU

comunità per lettori ostinati
1D, Liceo P.Levi di Montebelluna, Treviso

Scritto da Marjane Satrapi, Persepolis è l’affascinante storia sulla crescita di una bambina iraniana, che deve affrontare il regime, la riforma musulmana e il duro mondo europeo quando si trasferisce per pochi anni a Vienna.È un libro che finalmente fa luce su tematiche oscure come la storia dei paesi orientali, di cui non si parla quasi mai.Solo così si può comprendere la frustrazione delle persone che devono sottostare a delle regole antiquate imposte da fanatici; è quasi un parallelo con il fascismo o il nazismo del passato.Raccontato poi da una bambina assume sfumature ancora più particolari: l’animo ribelle deve farsi strada in un mondo dove anche le carte da gioco sono fuorilegge e ciò che un adolescente desidera come musica, vestiti alla moda, poster…devono essere importati di nascosto da altri paesi o con il mercato nero.In Europa Marjane deve affondare dei momenti ancora più duri e si è indecisi se valutare più spietato il paese da cui è scappata o quello in cui è arrivata; poiché qui è emarginata e disprezzata perché iraniana.Qui si rende conto che anche i suoi presunti amici sono in realtà fittizi, poiché si curano solo dei loro interessi e pensano di fare i “rivoluzionari”.Tornare in patria è la sua unica possibilità e dopo un breve soggiorno va in Francia, dove può completare i suoi studi e coronare i suoi sogni.Mi sono sentito sinceramente sorpreso e amareggiato di fronte a questa storia, dove come al solito le dittature soffocano le persone e uccidono la libertà; anche se non si può dire che la cultura non abbia gravemente ferito il concetto di libertà; ha richiamato alla mia memoria i decenni di nazismo e fascismo, magistralmente trattati dal film “Amarcorde”, o per essere più attuali, il problema della mafia o la strangolante cultura islamica.Mi ha fatto sentire decisamente più fortunato sapere di questa realtà, mi fa sentire fortunato il fatto di essere in “democrazia”, che come lo definiva Churchill è “il peggiore dei sistemi, ad eccezione di tutti gli altri.

Aggiungi un nuovo commento:

scuola:

autore/classe

commento

voto
  
79

Satrapi M.
Persepolis
Sperling & Kupfer


Biblioteca Sala Borsa Ragazzi | Hamelin Associazione Culturale
ultima modifica: 14 gen 2007